Tartufini al cioccolato (veg)

Una ricetta dolce di facile realizzazione e gustosa, pronta a soddisfare piccoli peccati di gola, e non solo di quelli veg! L’unica cosa di cui avete bisogno è un’oretta, non tanto perchè ci voglia tutto questo tempo, ma perchè il preparato deve riposare un po’ di tempo in frigo per compattarsi.

Ingredienti (per 40/50 tartufini… dalle dimensioni un po’ a occhio, ma indicativamente sui 2,5 cm di diametro)

  • una ventina di biscotti secchi (io ho usato i digestive)
  • 100 ml di latte di soia (io ho usato quello alla vaniglia orasì)
  • 120 gr di cioccolato fondente
  • 2 cucchiai di crema alla nocciola veg
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 60 gr di nocciole tostate
  • cacao amaro in polvere

Preparazione:

Tritate gli ingredienti secchi (biscotti e nocciole) e mescolateli in una ciotola.

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria, e aggiungeteci, se volete, il cucchiaio di zucchero. Appena si è leggermente freddato (non aspettate troppo, deve essere comunque liquido) aggiungetelo agli ingredienti secchi e mescolate bene. Versate poi due cucchiai di crema alle nocciole, e infine aggiungete la bevanda di soia. Girate bene il composto (se vi sembra troppo morbido, potete risbriciolare qualche biscotto e aggiungerlo) e fatelo riposare in frigo per 20-30 minuti.

Poi riprendetelo, formate delle piccole palline con le mani e rotolatele sul cacao amaro in polvere. Posizionate i vostri tartufini in un vassoio e rimettete di nuovo in frigo.

Servite i tartufini freddi e buon appetito!

tartufini.jpg

 

 

Annunci

Crocchette di riso con piselli, carciofi e funghi

Ecco un piatto poliedrico, infatti si può benissimo prestare a diverse portate: potrebbe essere un primo un pò più insolito, un allegro secondo o anche uno gustoso stuzzichino da aperitivo. A voi la scelta, intanto vediamo come procedere…

Ingredienti:

  • Riso bianco per insalate di riso
  • acqua
  • sale
  • 1 cipolla
  • carciofi*
  • funghi*
  • un ciuffetto di prezzemolo
  • piselli*
  • pangrattato
  • farina bianca e farina di ceci

Gli ingredienti contrassegnati da * li ho usati surgelati

[Le quantità non sono indicate con precisione, perchè in tutta onestà non ho pesato nessun ingrediente, ho fatto un po’ a occhio, come si suol dire 🙂 ]

 

Preparazione:

Tagliate la cipolla finemente e fatela soffriggere in un po’ di olio. Poi aggiungete il riso e ogni tanto versate dell’acqua calda, precedentemente scaldata e salata, per far cuocere il riso.

A parte in una pentola, cuocete con un filo d’olio i piselli più i funghi e i carciofi precedentemente tagliati a pezzettini, con un pochino di prezzemolo tritato, e salate quanto basta. Ah, se preferite potete aggiungere un po’ di cipolla anche qui, oppure cuocere queste verdure insieme al riso, vedete un po’ voi come vi vien più facile, ognuno ha il suo metodo.

Una volta cotto il riso e le verdure, unitele, e mescolate per qualche momento insieme facendo amalgamare e insaporire i vari ingredienti.

Quando il riso si sarà freddato, prendetene una cucchiaiata per volta, versateci qualche goccia di pastella (creata con farina di ceci, farina bianca, pizzico di sale e acqua) e iniziate a lavorare con le mani il composto, cercando di compattarlo e di  dargli la forma di una crocchetta. Passate poi la crocchetta nel pangrattato mescolato con un pizzico di farina e sistemate ognuna su una teglia da forno coperta di carta. Potete passare (ma non è indispensabile) un filo d’olio sulle crocchette, una volta preparate, e poi infornarle fino a doratura (circa 15-20 minuti a 160-180°). Et voilà, le vostre crocchette di riso sono pronte per essere gustate!

A mio personale consiglio, sono migliori caldo-tiepide, ma si possono, ovviamente, mangiare anche una volta freddate, trovate il modo in cui vi piacciono di più e buon appetito! 🙂

2560.png

 

Insalata di cous cous con verdure (grigliate e non)

Anche se l’insalata di cous cous è un piatto più estivo, ciò non esclude che si possa consumare anche in stagioni diverse, se ci va, e a seconda delle verdure che abbiamo a disposizione.

Questo cous cous che ho preparato (la foto risale all’estate scorsa, ma era rimasta da una parte sola soletta e non avevo mai messo la ricetta sul blog… provvedo subito, prima che mi citi in giudizio al tribunale delle ricette dimenticate :)) l’ho fatto con delle verdure di stagione (i pomodori freschi e le zucchine grigliate), dei sottaceti e sottoli, come fosse una specie di insalata di riso, e dei fagioli messicani (che di sicuro mi erano avanzati dalla preparazione del burrito, e quindi li ho risfruttati per questa ricetta).

Ingredienti:

  • cous cous
  • una zucchina (o più, dipende dai gusti)
  • un pomodoro maturo (anche qui dipende da quanto ce ne volete)
  • sottaceti e sottoli misti
  • fagioli messicani
  • olio d’oliva
  • sale
  • acqua calda

 

Preparazione:

La preparazione è molto veloce, quello che richiede un pochino più di tempo è tritare i sottaceti, dato che difficilmente li metto interi, e grigliare le zucchine.

Tagliate i sottoli e sottaceti a pezzetti piccolini.

Tagliate la zucchina a rondelle spesse, circa 1 centimetro, e mettetele in una padella o in una piastra a scottare, in entrambi i lati, senza olio (io, non l’ho messo, voi fate come preferite)… non tenetele troppo, di modo che saranno appena appassite, mantenendo però la croccantezza. Una volta freddate le rotelline, dividete ognuna in 4 spicchi.

In un piatto tagliate il pomodoro a pezzettini, salatelo e oliatelo.

Poi prendete il cous cous, circa una tazza a persona, e mettetelo in un vassoio, versateci sopra dell’acqua bollita leggermente salata – tante tazze di acqua quante sono quelle di cous cous – mescolate e mettete un filo di olio di oliva.

Una volta che il cous cous sarà freddato, unite tutte le verdure precedentemente stagliuzzate, mescolate bene, e mettete a riposare in frigo.

(*p.s. nel frattempo che avrete tagliato il pomodoro e lo terrete in un piatto in attesa di esser versato sul cous cous, avrà fatto un po’ di acqua, versate anche quella sul cous cous, l’assorbirà, e diventerà leggermente aranciato…a me è piaciuto molto così)

Versate poi nei piatti e gustatevi tutto il sapore della vostra bella e colorata insalata di cous cous… un piatto sano, veloce, appetitoso!

 

uno

due

Rotolini con melanzane e pomodori

I rotolini o girelle si prestano a molteplici utilizzi: aperitivi, merende, antipasti, feste, o semplicemente come gustoso intermezzo per i vostri pasti. La preparazione è facile, il sapore è buono… perché non provarli?

Nella mia versione ho usato melanzane e pomodori, ma si possono fare con altri ripieni ovviamente…sbizzarritevi!

Ingredienti:

  • farina
  • lievito di birra fresco (in panetto)
  • sale
  • olio d’oliva
  • acqua
  • melanzane
  • pomodori

 

*non ho riportato le dosi con i relativi pesi, perchè, generalmente vado un po’ a occhio quando preparo l’impasto della pizza, e poi perchè avendone usato solo una parte per fare questo rotolino, non so quantificare, a posteriori… regolatevi da soli, tenendo presente che l’impasto usato è quello che usate per la pizza.

Preparazione:

In un tegamino stiepidite l’acqua, scioglieteci il panetto di lievito di birra e mettete il sale.

Poi versate a filo l’acqua con il lievito nella farina, mescolate e maneggiate bene l’impasto. Lasciate lievitare. Prendetene poi una parte e stendetela con il matterello.

Appoggiate la sfoglia su una placca ricoperta di un foglio di carta-forno.

Precedentemente avrete passato in forno, per 10-15 minuti (stese anch’esse su una placca da forno) le fettine di melanzana e pomodoro, leggermente salate con un filo d’olio, affinché siano poi leggermente appassite quando andrete a fare il ripieno dei rotolini.

Appena freddate, stendete le fettine (io ho fatto prima lo strato di melanzane e poi lo strato di pomodori) sulla sfoglia di pasta.1

2

Se lo ritenete necessario salate e oliate appena le verdure. Avvolgete, partendo da un lato esterno, la sfoglia su se stessa, in modo da ottenere una specie di strudelone. Chiudete le estremità, schiacciando l’impasto con le dita, passate sopra un filo d’olio e un pizzichino di sale e infornate a 180 gradi fino a doratura.

3

Una volta cotto, personalmente consiglio una volta freddato, tagliate il rotolone a fettine e otterrete delle girelle. Anche il sapore si gusta meglio da freddo, quando è ancora caldo o tiepido, a mio avviso non dà il massimo di sé.

Adesso che i vostri rotolini sono pronti, assaporateli e utilizzateli nelle vostre occasioni speciali, e se avete ospiti onnivori, vedrete che anche i non vegetariani o non vegani apprezzeranno… buon appetito! 🙂

 

[p.s. la foto dei rotolini di fine realizzazzione, mi sono dimenticata di farla, come spesso succede… beh, immaginatele!]

Involtini di verza

Gli involtini di verza si possono preparare con vari ripieni; io finora ne ho sperimentati tre  e devo dire che mi hanno molto soddisfatto, a parte forse il fatto che, probabilmente, se il ripieno è un patè o qualcosa di cremoso è meglio, perché ovviamente si sgretola di meno, ma se non vi pesa raccogliere con la forchetta i vari pezzettini che possono sfuggire, allora non temete nulla e potete ripienare i vostri involtini anche con cereali e verdure… insomma largo alla fantasia!

Ho sperimentato gli involtini  questo inverno per la prima volta, li ho proposti anche come mia alternativa veg al pranzo di Natale con i parenti, i quali dopo aver mangiato un secondo tradizionale, hanno poi voluto assaggiare la mia pietanza, che quindi non è stata molto un'”alternativa” quanto un’ “aggiunta”, ma insomma prendiamo il lato positivo, ovvero che ci si sono avvicinati senza tante remore, assaggiandoli e trovandoli buoni…

Le mie versioni per ora sono state: Bulgur e funghi (o quinoa e funghi) e patè di fagioli

INGREDIENTI generali:

  • Foglie di verza
  • olio
  • sale
  • acqua

Ingredienti per 1° Versione: Bulgur (o quinoa) e funghi misti

  • bulgur o quinoa (le quantità a seconda di quanti involtini volete fare o per quante persone. Con due tazze circa, si possono fare circa 12-13 involtini) da cuocere in acqua bollente e un pizzico di sale.
  • funghi misti (io ho usato una confezione di quelli surgelati)
  • aglio
  • olio
  • sale
  • prezzemolo

PREPARAZIONE

Scottate per qualche minuto in acqua bollita e salata le foglie di verza e lasciatele asciugare su un panno.

A parte, in una pentola bollite il bulgur o quinoa (circa 20 minuti,  ma controllate per maggior sicurezza la confezione: vi consiglieranno sempre quanto tempo è necessario per la cottura) in acqua salata. In un tegame mettete un po’ di olio e rosolate l’aglio e il prezzemolo tritato finemente. Poi versate i funghi tritati, salate, e fate cuocere fiché non si assorbirà l’acqua che i funghi faranno durante la cottura. Quando sono pronti mescolateli al bulgur o quinoa precedentemente cotto.

**

Ingredienti per 2° versione: Paté di fagioli cannellini

  • una confezione di fagioli cannellini già lessati (se volete e avete fagioli secchi potete lessarli anche da soli)
  • una cipolla
  • un pezzettino di sedano
  • una carota
  • un pezzetto di peperoncino
  • conserva di pomodoro
  • sale

PREPARAZIONE:

Scottate per qualche minuto in acqua bollita e salata le foglie di verza e lasciatele asciugare su un panno.

In un tegame mettere a soffriggere la cipolla, la carota e il sedano tagliati finemente con il pezzo di peperoncino. Quando il tutto si appassisce aggiungete i fagioli cannellini e dopo un po’ la conserva di pomodoro. Salate il tutto e fate ripassare ancora un po’ sul fuoco. Togliete il peperoncino e poi passate il tutto con un mixer o un frullatore a immersione, otterrete una gustosa crema di cannellini che poi userete come ripieno degli involtini

**

**Procedimento seguente valido per tutte le tipologie di ripieno**:

**Prendete una foglia di verza (se è molto grande tagliatela a metà, e se ha la costola che è rimasta dura, toglietela, altrimenti la foglia non si arrotolerà), stendetela e versate il composto nel centro. Arrotolate la foglia su se stessa assicurandovi di avvolgere bene il composto affinché non esca dalle parti, e posizionatela in una teglia coperta di carta forno. Ripetete l’operazione per gli altri involtini.

Una volta messi tutti gli involtini sulla teglia, passate, poi, un filo d’olio sopra e un pizzico di sale, infornate a 180° per circa un quarto d’ora… Potete gustarli sia caldi che tiepidi, come più preferite.

Buon appetito! 🙂

2410.JPGP.s. cercate di avvolgerli meglio di come ho fatto, come si vede dall’immagine un po’ di bulgur sta facendo capolino… ehehehe 😀

 

 

Besciamella senza latte

La besciamella in questione è una versione senza latte, ma ugualmente gustosa, che si presta alla preparazione di piatti vegetariani/vegani o anche per chi è intollerante al latte, poichè infatti di latte non ce n’è nemmeno una goccia.

Probabilmente la versione può anche essere perfezionata, a seconda dei gusti e delle consistenze, ma direi che già così, personalmente, ne sono rimasta più che soddisfatta.

Ingredienti:

  • brodo vegetale (preparato facendo bollire per una mezz’oretta una carota, una cipolla, una costa di sedano, una patata, una spruzzata di concentrato di pomodoro e qualche foglia di prezzemolo, sale… ma ovviamente, potete arricchirlo come volete).
  • 50 gr di farina bianca
  • 20 gr di farina di ceci
  • noce moscata
  • sale
  • 2 cucchiai di olio di oliva

Preparazione:

In una pentola (io ne ho usato una antiaderente) mettere i due tipi di farine precedentemente mescolate insieme, accendere la fiamma e iniziare a versare a filo l’olio, ricordandosi di mescola bene con un cucchiaio o con un mestolo di legno (meglio). Aggiungere un pizzico di sale e un pochino di noce moscata grattugiata. Poi si può passare a versare il brodo vegetale tiepido, piano piano, senza mai smettere di mescolare, per evitare che la besciamella faccia i grumi. Quando si vede che la consistenza è quella desiderata, lasciare per un minuto o due a fiamma bassa continuando a mescolare. Dopo questo passo, la besciamella è pronta e potete usarla per le vostre ricette. Buon appetito!

(La quantità che è venuta fuori è bastata per una teglia di pasta al forno, la mia condita con Rafù…la ricetta la potete trovare qui)

 

besciamella

P.s. Il colore è leggermente più ambrato rispetto a una besciamella classica, sia per la presenza di farina di ceci e olio di oliva, sia perchè il brodo di verdure con cui viene preparata, prende un po’ di colore dalle verdure stesse. Magari se volete mantenerla più chiara, non aggiungete il concentrato di pomodoro e usate solo farina di grano 0.

Insalata di farro colorata

D’estate è più comune consumare piatti freddi, e con questi ci si può sbizzarrire nei condimenti e di conseguenza nei colori (che adoro).

Questa insalata di farro è veloce, fresca e appetitosa, infatti si può mangiare benissimo e con gusto anche senza crudeltà…al limite con crudità! (ahahah che battuttaccia! :D)

Ingredienti

– Farro perlato

– verdure sottolio

– pomodorini pachino (quantità a piacere)

– zucchine

– fagiolini *(l’immagine ritrare il piatto prima dell’aggiunta dei fagiolini, che ho pensato di aggiungere solo all’ultimo, dato che erano stati fatti come contorno, e non ho rifotografato l’insalata alla fine, ma vi assicuro che era ancora più bellina…se siete di quelli del partito che “anche l’occhio vuole la sua parte” 😉 )

 

Preparazione:

Cuocete il farro in acqua e sale (lessatelo) e fatelo freddare in una terrina. Tagliate la zucchina (o le zucchine, se avete una grande quantità di farro da guarnire) e tagliatela a rotelline spesse che metterete poi a scottare su una padella senza olio, di modo che non saranno crude, ma nemmeno totalmente cotte e rimarranno croccantine. Una volta freddate conditele con olio e sale. E poi versate il tutto nel farro. Tagliate le verdure sottolio a pezzettini, e versate anche queste nel farro. Tagliate i pomodorini pachino a spicchietti, conditeli con olio e sale e versate anche quest’ultimi nella terrina. Girate bene e mettete nel frigo, di modo che il tutto si insaporisca e rimanga fresco. Una volta tirato fuori dal frigo, proprio un secondo prima di mangiare, ho aggiunto dei fagiolini lessati e conditi tagliati a pezzettini e il piatto era pronto e buonissimo! 🙂

Buon appetito! IMG_0005