Trasparenze

Trasparenza…ecco un’altra parola dalle molteplici valenze…

Mi piace trovarla nelle cose, nelle persone, quando ti si presentano nella loro essenza, nella loro semplice onestà, quando non sono tanto infiocchettate e costruite solo per annebbiarti un attimo i sensi, quando sono realisticamente loro stesse. La trasparenza è una bella caratteristica, a mio avviso, trasmette una sincerità che non ha bisogno di maschere e che mette in mostra ciò che c’è, nel bene e nel male. La trasparenza è diretta, dà quello che può, non si inventa cose che non può permettersi, non fugge dalle cose e dalle situazioni poco comode, affronta se stessa e gli altri, fa i conti con le proprie sensazioni e con i propri limiti. Non crea illusioni, non cerca di passare per quello che non è, non si inventa ruoli che non le appartengono o che non sono consoni ai propri panni, la trasparenza è umile e modesta ed è sinonimo di rispetto per se stessi in primis e poi anche per gli altri.

La trasparenza è anche uno stato, una condizione di certi oggetti, di materiali e richiama, appunto, la capacità di potere vedere attraverso di loro, o al loro interno, cosa c’è in realtà. Essa permette all’occhio nudo  di osservare, di capire e di vedere quello che c’è senza bisogno di altri mezzi; senza altri ausili, così, può captare l’essenza delle cose.

Finchè è un mostrarsi per come si è la trasparenza si rivela come un fattore altamente positivo, ma a volte, ahimè, non sempre risulta in questo modo, ed ecco che qui entra in gioco un altro significato di questa parola. Ci sono, infatti, a volte  persone, animali, cose ed oggetti, magari anche in condizioni particolari o di difficoltà, in cui non ricevono considerazione, ma indifferenza, non sono ascoltati, non vengono visti, coinvolti, aiutati, ecc. In questo caso la trasparenza assume un’altra caratteristica, viene vissuta come una cosa passiva, e perde tutta quella bellezza e quella valenza che, invece, ha nella sua accezione positiva.

Se vissuta consapevolmente, scelta liberamente e praticata attivamente, la trasparenza è una qualità preziosa, da elogiare, soprattutto al giorno d’oggi in cui spesso si punta più sull’apparire che sull’essere e dove le persone, a volte, si costruiscono figure da ostentare che offuscano la natura nitida di ognuno. Pertanto la trasparenza è un valore da riscoprire e da apprezzare quando si mostra in ciò che ci circonda.