M’illumino (i piedi) d’immenso :)

Un anno fa esatto, scrissi questo raccontino, riguardante un episodio che anche se è una piccola disavventura, mi fece talmente tanto ridere e porto nel cuore come uno di quegli episodi, semplici, ma veri, puri, pieni che si vivono nell’infanzia, e che poi ti porti dietro nel tuo porta-gioie immateriale. Lo riporto qui, per rileggerlo e continuare a tenerlo insieme a me, al mio frascafresca.

 

“Una volta, da bambina, in una sera d’estate m’infilai con entrambi i piedi in una pozzanghera per spostarmi sul bordo della strada perchè delle macchine erano in procinto di passare. Era buio, e nello scansarmi non mi ero accorta che ci fosse lei con la sua acqua scura e stagnante ad aspettarmi nel punto in cui mi ero fermata. E nemmeno la strana sensazione di fresco avvertita mi fece inizialmente sorgere delle domande, pensai piuttosto ingenuamente “stasera il venticello si sente perfino nelle caviglie, senti però come è bello!”. L’acqua fangosa mi entrò furtivamente in tutte le scarpe, nei calzini e nell’orlo dei pantaloni…bianchi! Ma se da una parte mi sporcò piedi, calzature e indumenti, dall’altra mi regalò anche un privilegio: per pochi istanti si poteva vedere una bambina con i pantaloni che finivano dove iniziava il cielo: al posto dei piedi, infatti, si vedeva riflessa la luna.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...