Tipi di tipo

Le persone che ci circondano sono di diverse tipologie, ovviamente, come è giusto che sia, d’altronde non si dice sempre che il mondo è bello perchè è vario? E difatti, ci sono alcuni “tipi”, vediamoli più da vicino.

Ci sono i belloni (*si parla di uomini e donne in senso generico) da sempre i più ammirati e ricercati, quelli che basta una parola, un gesto, uno sguardo per far cadere ai loro piedi decine, ma  che dico, anche centinaia di persone. Quelli che possono anche avere la segatura nel cervello, il marmo sul cuore, il pelo sullo stomaco (ma spesso non in senso letterale, perchè va sempre più di moda la depilazione, anche fra i belloni del genere umano maschile :D) ma non importa, perchè sono affascinanti, perchè poi piacciono a tutti, e quindi devono esserlo per forza; quelli che possono anche essere maleducati, ignoranti, insensibili, diciamocelo, anche un po’ stronzi, perchè tanto tutti continuano ad andare dietro loro come cagnolini, e quei pochi che si risentono perchè capiscono di avere una dignità e un amor proprio, smettendo così di stare tra le fila dei tanti seguaci, figuriamoci se fanno notizia, i belli nemmeno si scompongono per questo, tanta ne hanno di gente a cui non fanno pari a fare i resti.

Comunque c’è da dire una cosa: che ci sono i belloni che lo sono realmente, perchè hanno la fortuna di avere lineamenti piacevoli e corpi aggraziati, e ci sono anche i belloni che si innalzano a tali, per proprie auto-convinzioni o perchè qualche sciagurato gliel’ha fatto credere, e questi, ragazzi miei, sono i peggiori, e con i social network e la mania di farsi gli autoscatti o le foto-posa (diciamocelo alcune anche ritoccate) vanno a nozze! Basta dare un breve sguardo in giro per vedere come ci siano tanti “belloni”, aumentanti in maniera esponenziale negli ultimi tempi…e viene quasi spontanteo dire loro, ok, anche l’occhio vuole la sua parte, ma almeno abbiate il buon senso di non dargliela avariata, però! 😉

Ci sono poi i bellocci, che non possono guadagnarsi il podio come i belloni, ma non sono poi così da buttar via, hanno magari quel non so ché, quella lieve sbavatura, che non riesce a conquistare il massimo dei voti, ma che tutto sommato non rovina nemmeno più di tanto l’insieme. Fossero una gara di tuffi, sarebbero un doppio avvitato-carpiato-saltato (ma non in padella) con un po’ di schizzetti. Questi hanno un pubblico che si divide: c’è chi li considera comunque ottimi bocconi, chi invece non li trova affatto interessanti, e preferisce, magari, andare dietro a un bellone taroccato, ma questo aspetto, adesso, è da tralasciare. I bellocci hanno un seguito di tutto rispetto, ma non fanno l’en plein, insomma hanno un discreto successo, ma non pare che abbiano il miele addosso dove tutti rimangono appiccicati. Alcuni sono modesti, altri nella loro belloccezza si gongolano come pochi, risultando un po’ snob…cosa che ad alcuni repelle, da altri, invece, è apprezzata e attira loro più di una pozza d’acqua (forse anche un po’ motosa) nel deserto sotto un sole di 50 gradi.

Poi ci sono i carini, quelli che non sono belli, ma non sono nemmeno cessi ambulanti, quelli che hanno comunque quel qualcosa che riesce a colpire, magari un dettaglio un po’ nascosto, o impercettibile per occhi un po’ miopi, ma altri, che forse si sono messi gli occhiali graduati e anche le lenti transition per non essere abbagliati dal sole o dalla carineria di tali dettagli, li apprezzano notevolmente. I carini se la barcamenano come possono, nel senso che devono sopperire ai livelli inferiori di bellezza con doti intellettuali, capacità artistiche, menti creative, abilità di ogni genere che, comunque, faranno loro raggranellare qualche puntarello, perché tutto sommato sono doti che accrescono il fascino…almeno negli occhi di chi ha quel modello di occhiali di cui sopra.

Poi ci sono i “è un tipo“. Questa categoria è ampia, e raccoglie tutti coloro che sono un po’ reietti dagli altri gruppi, quelli che per forza di cose non possono guadagnarsi un posto fra belloni, bellocci e carini, e che vuoi per caratteristiche oggettivamente incatalogabili, vuoi per caratteristiche incomprese, si ritrovano ad appartenere a questa tipologia. Come dicevamo è assai ampia, c’è chi non è male male, ma è notevolmente simpatico, c’è chi è bruttoccio, ma tanto intelligente, c’è chi è insomma, ma ha quel non so che di sensuale, c’è chi è brutto ma è estroverso, allegro e sensibile, o c’è anche chi è carino, ma è un po’ strano, chi è decente, ma è appiccicoso, chi è piccolo e nero, ah no quello è Calimero…vabbè, ci sono un’infinità di abbinamenti possibili che rientrano nell’essere un tipo, che poi, tutto sommato non è che sia così male appartenere a questa definizione, anzi, per molti è un punto di forza, una cosa singolare che non tutti si possono permettere, tiè! (*”Tiè” n.d.s.)

E infine c’è chi “manco un tipo o una tipa è“…eh qui le cose non si mettono proprio benissimo, perchè come poter fronteggiare l’immensa e vasta concorrenza, tra l’altro spietata, dei gruppi precedenti? Beh, questi sono coloro che forse devono darsi più da fare, che devono fare il diavolo a quattro, anche a sedici (se la “Tipo” è una quattro per quattro :D)  se necessario, perchè il lavoro è duro, e rischia di fare ripetuti buchi nell’acqua, e di forarla anche tutta, ma se alla fine l’appartenente alla categoria riesce a fare breccia nel cuore di qualcuno è fatta, la conquista è totale e duratura (anche perchè, onestamente, non è che abbia tutta sta gran sequela, ma questo è un dettaglio) e in ogni caso, quasi sicuramente il “manco un tipo o una tipa è”, spesso, dato che non ha dovuto darsi le arie fin da piccolo, perchè rimpinguato da continui complimenti, è una persona che ha i piedi per terra ed è di sani principi, un bonaccione, quindi.

Ad ogni modo non c’è da demoralizzarsi, perchè lo abbiamo detto all’inizio, il mondo è bello perchè è vario, e se anche non si è un Tipo, niente timore, c’è una speranza per tutti, da qualche parte ci sarà il vostro principe o principessa senza macchina e senza paura: i creativi sono più per la Idea, gli animalisti per la Panda, gli scrittori per la Punto, i musicisti per la Croma, gli attori per la Giulietta, i gggiovani per la Mito, gli sportivi per la Corsa, i pasticceri per la Fiesta, i freddolosi per la Golf…ognuno ha il suo tipo! 😉

Annunci

2 pensieri su “Tipi di tipo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...