Ricetta Messico e nuvole: burrito!

In questi giorni di fine marzo ricorre il mio comple-veg: quattro anni da quando ho fatto la scelta di un’alimentazione vegetariana, e come ripeto sempre, felice di averlo fatto! (Per i dubbiosi e coloro che insistono che è necessario cibarsi di carne perchè l’uomo è onnivoro, vi ho dimostrato che almeno quattro anni si campa :D, ovviamente è una battuta visto che c’è gente che lo è da molti più anni di me, e addirittura persone che sono state cresciute vegetariane, senza quindi aver mai assaggiato animali nel piatto e stanno più che bene!) Allora, metto questo articolo per celebrare la ricorrenza!

La ricetta di oggi è il burrito: un piatto di origini messicane, appetitoso, che si può riempire come più ci piace e può benissimo sostituire un pasto completo!

Vi descrivo la mia versione, vegetariana!

Ingredienti per otto burritos:

– Una confezione di “piadine” [passatemi il termine, so che non sono piadine, ma è per capirsi] messicane (sono otto per confezione)

– Riso thaibonnet (quello con chicchi lunghi e affusolati) (considerate circa un pugno a piadina, io ho abbondato e me ne è venuta una barca che ho riadattato un po’ a parte.

– 1 peperone rosso grande (ovviamente va bene anche di altri colori, anche se i peperoni rossi e gialli hanno un sapore un po’ più delicato)

– una confezione di fagioli neri messicani “frijoles”

– mais dolce

– prezzemolo

– cipolla

– peperoncino

– sale, quanto basta, per il riso e il peperone

Preparazione:

Ho fatto un soffritto con metà cipolla e un po’ di prezzemolo e ho lessate il riso. (Forse è meglio se lessate il riso a parte e poi lo passate nel soffritto, io ho fatto tutto insieme e mi è venuto un po’ collosetto, però il sapore è quello, cambia solo la consistenza!)

Poi tagliate il peperone a listarelle abbastanza fini, e lo cuocete insieme a metà cipolla, in una padella. Tenetelo al fuoco per qualche minuto e non fatelo ammorbidire troppo, a mio avviso è meglio non appassito, ma appena scottato.

Aprite la confezione di fagioli, e scaldateli in un pentolino con il loro sughetto che è già saporito.

Poi prendete una “piadina” (tra l’altro dietro c’è un disegno d’illustrazione che fa capire come si presti a diverse preparazioni: burrito, tacos, enchiladas, a seconda di come si avvolge la “piadina”) e nel mezzo ci versate un po’ di tutto: riso, mais, fagioli, peperoni, e pezzettini fini di peperoncino. Se volete potete anche usare il tabasco o la salsa piccante messicana, io non ne avevo, ma è venuto ugualmente piccantino e buono, a mio gusto! Poi chiudete la piadina tipo busta da lettere, per intendersi, e l’avvolgete in un po’ di pellicola per poi passarla qualche secondo al microonde, di modo che si riscaldi il tutto e si ammorbidisca leggermente.

E  così il vostro burrito è pronto per esser gustato, buon appetito!  ¡Qué aproveche! 🙂

 

burrito

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...