F di Fuoco, ma anche di Fenice…

Oggi mi andava di mettere un’immagine di questa figura mitologica: un’araba fenice. La leggenda racconta che fosse un uccello che viveva circa cinquecento anni. Quando sentiva che la morte si stava avvicinando si cercava un luogo riparato dove si preparava un giaciglio, a forma di uovo, intrecciando ramoscelli di vari alberi dai legni profumati, poi si accovacciava nel mezzo e mentre si lasciava incendiare dal sole, bruciando, cantava delle canzoni. Dalle ceneri si creava un uovo dal quale, dopo esser stato scaldato dai raggi del sole per tre giorni, nasceva una nuova fenice.

La Fenice è una figura affascinante, un essere che trova la forza, l’opportunità e la grazia di rigenerarsi, di ricrearsi, di rinascere anche quando le cose non sono particolarmente facili, quando il fuoco ha avuto la meglio e ha lasciato un mucchietto di cenere dietro di sé. La Fenice aspetta paziente i suoi tre giorni, e poi radiosa, piena di speranza e di nuova forza si rilancia in volo…

Fenicizziamoci, un’altra volta, sempre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...